Il Presidente Fir al Maw Stadium dei Centurioni

Ieri la visita di Marzio Innocenti alla struttura di Villa Carcina e il saluto ai club bresciani, in occasione del tavolo di confronto del rugby provinciale

VILLA CARCINA – Il Maw Stadium ha accolto ieri il presidente delle Federazione Italiana Rugby, Marzio Innocenti, in occasione del tavolo di confronto, organizzato dal nostro club con gli altri team bresciani.

Una visita al campo – tra le grida divertite dei piccoli centurioni delle Under in allenamento – e quindi un tour della avveniristica struttura, per il presidente Innocenti, rimasto piacevolmente colpito della qualità assoluta dello stadio e di tutto ciò che vi orbita intorno. Attorno alle 19.30 il trasferimento in club house, ove il presidente si è seduto al tavolo dei club bresciani (un tavolo eterogeneo al quale hanno partecipato la stragrande maggioranza delle realtà rugbystiche territoriali)  e ha avviato il confronto  con i rappresentanti delle società presenti. Un dibattito molto tecnico, durato circa un’ora e mezza.

«Brescia è sempre stata una delle province importanti del rugby italiano. Lo dicono i numeri, i club e le strutture e questo tavolo di confronto vi fa onore ed è certamente uno strumento utilissimo per lo sviluppo di un movimento – ha detto il numero uno della Fir -.  Non mi è mai capitato di riuscire a parlare con tutte le società e qui, nella casa dei Centurioni, ci siamo riusciti e questo mi ha fatto molto piacere».

Focus sui centri di formazione, sulla crescita di tecnici, allenatori e staff, e sul campo in sintetico, argomento particolarmente delicato, dopo che la Federazione ha imposto la messa in regola, pena la non omologazione.

Una problematica, questa, che coinvolge moltissimi club nazionali e qualche realtà bresciana. Passaggio pieno del test, invece, per il manto del Maw Stadium,  – omologato World Rugby e oggetto di cure quotidiane  – lodato dallo stesso Innocenti durante l’incontro.

«Qui i Centurioni sono partiti da una cosa fondamentale: la struttura – ha sottolineato Innocenti -. Il club rossoblù ha costruito un ottimo impianto, una struttura splendida e vanta un campo in sintetico praticamente perfetto. La dirigenza sta facendo un lavoro fondamentale, ovvero formare i tecnici e lo staff qualificato. Questo è quello che chiediamo oggi ai club. Dobbiamo crescere insieme. E’ importante educare i ragazzi, farli crescere nel migliore dei modi, e farli giocare su campi sicuri, manutenuti e a norma»

Presente all’incontro anche il presidente del Comitato Regionale Lombardo, Angelo Bresciani, che ha detto: “Ci siamo incontrati in uno dei più bei centri che abbiamo in provincia. Un sentito ringraziamento ai club che hanno partecipato e parteciperanno ai tavoli. Si è creata una grande amicizia ed è molto importnate. Dobbiamo continuare a crederci. Dobbiamo lavorare alla crescita del movimento. Abbiamo tanti bambini che si stanno iscrivendo. Dobbiamo guardare in questo periodo a loro e alla loro crescita”

Il benvenuto ai club e al presidente Fir è giunto dal padrone di casa, il presidente Ottorino Bugatti che ha dato il via al dibattito: «E’ una grande soddisfazione essere riusciti a organizzare questa riunione che vede la partecipazione dei principali attori del rugby locale e i vertici della federazione e del comitato regionale – ha spiegato il patron dei Centurioni -. Questo tavolo ci ha permesso di superare, durante la pandemia, un periodo molto difficile. Abbiamo imparato a confrontarci e a lavorare sulle proposte. L’unico sistema per superare questo periodo nero è cooperare. Abbiamo perso tanti amici, abbiamo tutti sofferto tanto, ora è giunto il momento di ripartire, di tornare a stare insieme in sicurezza. Ecco perché questa riunione e la presenza del presidente Innocenti in questa occasione è stata di utilità estrema ed un importante segno che quanto stiamo portando avanti è di primaria importanza»

«Un momento di condivisione importante, quello vissuto ieri sera – ha sottolineato il Gm, Luca Raza -. Un confronto che ha visto coinvolti noi Centurioni e tutti i club del nostro territorio su temi chiave. E’ stato un onore avere qui, nella nostra struttura, il presidente Marzio Innocenti, che ha fornito risposte e ha potuto apprezzare la qualità del nostro impianto. La condivisione è un punto forte del nostro progetto e questa cosa sicuramente è gradita . Questo tavolo bresciano sta lavorando per la crescita corale di un movimento»

E’ seguito il saluto del presidente Innocenti alla prima squadra, allenata da coach Ivano Bonacina.

Immancabile, infine, come da tradizione, il terzo tempo, ospitato al Drop64, l’elegante ristorante del Maw Stadium che ha deliziato il palato dei dirigenti bresciani e dei vertici federali.