U16: un avversario troppo duro

Si ferma al terzo turno contro FTCI Rugby Leagues la rincorsa dei rossoblù all’Élite

U16: un avversario troppo duro

Si ferma al terzo turno contro FTCI Rugby Leagues la rincorsa dei rossoblù all’Élite

Si interrompe al cospetto della franchigia ligure FTGI Rugby Ligues il cammino dei Centurioni Under 16 nell’ambito dei barrages per l’accesso al girone Élite di categoria. Nel terzo turno della competizione, infatti, i ragazzi guidati da Fiorenzo Gobbi e Cosimo Corvino sono stati superati con il punteggio di 41-7, al termine però di un match contraddistinto da grande impegno e altrettanto spirito di sacrificio da parte della squadra di casa.

Gli avversari hanno dimostrato il loro grande valore sin dalle battute iniziali, come registrato puntualmente dal tabellone che segnava un secco 14-0 al quarto minuto di gioco. I rossoblù, dopo la doccia fredda iniziale, hanno iniziato la loro partita, dimostrando una crescita costante di determinazione, in particolare in fase difensiva. La meta della bandiera è stata messa a segno dal “gigante” Amin Dridi al 25’ del primo tempo, coronata dalla trasformazione a segno di Aurola. La segnatura ha fissato il parziale della prima frazione sul 22-7, frutto di tre mete liguri e un calcio piazzato. Nella ripresa, gli ospiti hanno varcato la linea di meta de I Centurioni altre tre volte, al 3’, al 21’ e al 23′.

«I ragazzi hanno messo in campo una buona partita, contro una formazione di assoluto valore e dalle competenze davvero eccellenti – commenta il tecnico Fiorenzo Gobbi –. A eccezione delle prime due mete subite, dove abbiamo commesso degli errori, i ragazzi hanno ritrovato la giusta concentrazione. Hanno difeso con grande cuore e spirito di abnegazione per tutta la durata del match. Non credo che un passivo così duro rispecchi appieno l’andamento del match, ritengo infatti che avremmo potuto mettere a segno un altro paio di mete.

I nostri avversari, dal canto loro, hanno messo in campo giocatori già molto esperti e formati, mentre la nostra squadra è, quasi per la totalità, costituita da un numero preponderante di ragazzi approdati nella categoria solo da qualche settimana. L’accesso al girone Élite 1 non era un nostro obiettivo stagionale, ma sono contento che la squadra abbia sostenuto queste due partite: sono certo infatti che contribuiranno al percorso di crescita sul quale stiamo lavorando. Dovremo continuare a concentrarci sull’aumentare le competenze della nostra mischia e della touche, della gestione dei punti di incontro, dell’occupazione dello spazio e dell’aumento della velocità dell’uscita del pallone. Stiamo già vedendo una risposta molto positiva del gruppo e sono certo che potremo toglierci molte soddisfazioni in questa stagione».

Un grosso in bocca al lupo va al mediano di apertura, nonché capitano, Nicola Cavagna che è ora in ospedale per un infortunio occorso durante il match. Torna presto, Nicola, ti aspettiamo!