Seniores: vittoria strappata all’ultimo minuto con il Rugby Lecco

Filippini: «Questo match ci ha confermato l'equilibrio che regnerà in questa stagione»

Un esordio tutt’altro che facile quello che hanno affrontato I Centurioni Rugby Lumezzane contro il Rugby Lecco. Proprio l’aggressività degli ospiti ha reso i primi ottanta minuti di questa stagione complessi e molto fisici, oltre a costringere i padroni di casa rossoblu ad una seconda frazione quasi totalmente votata all’inseguimento. Elementi questi che hanno reso il successo finale per 16-13ancora più importante, confermando l’equilibrio del girone annunciato alla vigilia dall’head coach Filippini, anche alla luce di tutti gli altri risultati della seconda giornata di campionato. 
Il match, sviluppatosi punto a punto, ha visto un equilibrio totale nella prima frazione, con lo strappo degli ospiti giunto all’inizio della ripresa giunto a seguito dell’assegnazione di una meta tecnica da parte dell’arbitro Russo. Ma la voglia di vincere di Scanferla e compagni ha fatto la differenza, assieme al lavoro atletico che ha mostrato i suoi frutti nel momento più delicato del match: la meta del successo, infatti, è giunta nell’ultimo minuto di gioco con una possente rolling maul e la determinazione del subentrato Corvino, che si è meritato anche il titolo di “Residenza dei Limoni Man of the match”.

La cronaca

L’inizio del match è all’insegna dell’equilibrio territoriale, con una prima, fondamentale conferma. Anche di fronte alla straordinaria solidità del Lecco, infatti, i primi otto uomini rossoblu hanno dimostrato la loro superiorità in mischia chiusa, mettendo immediatamente in difficoltà l’avversario. Ospiti che, però, alla prima incursione nella metà campo avversaria trovano il vantaggio dalla piazzola, cogliendo i pali da calcio piazzato con l’estremo Cavallo, tra i migliori dei suoi. 
Sul cambio di fronte, I Centurioni mettono i conti in pareggio con la punizione centrata dall’apertura Aru. La sezione centrale della prima frazione è vivace su entrambi i fronti. Da segnalare al quarto d’ora la cavalcata di Piovani che entra nei 22 metri ospiti, ma una sbavatura nella trasmissione vanifica l’attacco. Il Lecco ripete il copione poco dopo e in due occasioni sfiora la meta, distante solo una manciata di centimetri. I rossoblu rialzano la testa al 26’: conquistato con sicurezza l’ovale in una touche sui propri cinque metri, è coraggioso il giovanissimo Mastrorosa, al suo esordio nella formazione seniores, che guadagna preziosi metri. Riportato il baricentro nella metà campo avversaria, è ancora la mischia de I Centurioni a permettere all’apertura Aru di allungare dalla piazzola per il 6-3. Ma il copione si ripete: Lecco torna nei 22 metri dei padroni di casa e l’estremo Cavallo dimostra la propria qualità cogliendo un piazzato da posizione molto complessa. Alla mezz’ora, pertanto, all’ASO Stadium è parità: 6-6. La prima frazione si chiude in perfetto equilibrio, con un gioco vivace da entrambi i fronti, ma con l’incapacità di affondare il colpo.
Nella ripresa, i padroni di casa iniziano con il piede giusto e si rendono pericolosi con un’incursione iniziata su una touche sui 22 metri lecchesi. E’ il subentrato Corvino a macinare metri, ma un’ingenuità nel sostegno interrompe l’azione e induce ad un cambio di fronte. Un mutamento che gli ospiti ottimizzano al massimo, spingendosi velocemente a ridosso della linea di meta avversaria: con una rolling mail pericolosissima, i rossoblu sono costretti a ricorrere al fallo per tentare di fermare l’attacco. L’arbitro è perentorio e al 13’ fischia una meta tecnica che porta il parziale sul 13-6. Inizia una fase buia per I Centurioni, con difficoltà nella gestione dell’ovale, eccessiva frenesia e una tenuta della mischia non più impeccabile. Ma i valgobbini dimostrando di avere chiaro l’obiettivo. Il calcio piazzato di Aru alla mezz’ora, infatti, prepara la strada alle battute finali di match al cardiopalma. Gli uomini di Filippini non mollano infatti la presa e restano lucidi anche nel momento più delicato dell’incontro. Proprio da questo forcing ripetuto giunge la costruzione di una piattaforma che, al 40’, consente a Scanferla e compagni di cogliere la meta del 16-13 finale.

 

Il commento del tecnico Filippini
“Alla luce dell’andamento del match, ritengo sia stato fondamentale cogliere il successo finale in questa modalità incentrata sulla determinazione fino all’ultimo di chiudere il match in proprio favore – afferma il direttore tecnico rossoblu -. Ora, rotto il ghiaccio dell’esordio in questa stagione, abbiamo chiaro ciò che ci attende e gli aspetti sui quali dobbiamo ripartire e lavorare. Non è stata una partita godibile sul piano del gioco e ne siamo tutti consapevoli, però credo che, senza scusa alcuna, aver affrontato il primo test contro un avversario che aveva già alle spalle una partita disputata sia stato un elemento non trascurabile e credo che, soprattutto all’inizio, si sia vista chiaramente la differenza. Soprattutto nel primo tempo, infatti, abbiamo peccato di eccessiva attenzione ai particolari e ciò ci ha deconcentrato dalla possibilità di capitalizzare i nostri sforzi. Ripartiamo da una vittoria anche se siamo sin da ora consapevoli che non potremo giocare tutte le partite in questo modo sperando di vincere, così come dobbiamo scordarci in fretta lo scorso campionato. Questa stagione mostrerà un equilibrio sicuramente maggiore rispetto alla passata, così come confermato dai risultati delle altre partite del turno contraddistinti da vittorie con distacchi molto risicati e un livello complessivamente più elevato di tutte le formazioni. Dovremo lavorare con grande dedizione sul miglioramento della resa della nostra touche così come operare un inserimento sempre più profondo della nostra nuova mediana nel nostro gioco, nel quale ricordo che schieriamo un ragazzo di 18 anni, alla prima esperienza in serie B, ma sul quale abbiamo tutti fiducia che possa crescere positivamente”.

 

I CENTURIONI RUGBY LUMEZZANE – RUGBY LECCO 16-13 (4-1)

I CENTURIONI RUGBY LUMEZZANE: Bandera, Morandi, Franceschini, Azzini, Zaffino, Aru, Mastrorosa, Scanferla, Tebaldini, Berardi, Rossetti (14’st Bettinsoli), Cuello, Trevisani (1’st Magli), Piovani (1’st Corvino), Seye (37’st Piovani). 
A disposizione: Cavagna, Moreschi, Lupatini, Pasotti.
Allenatore: Francesco Filippini

RUGBY LECCO: Cavallo, Gerosa, Longhi, Rusconi, Sala, Zappa, Rossi, Fumagalli, Locatelli, Colombo, Valentini, Biffi, Butskhrikidze (9’st Shalby), Turati (9’st Molteni), Ziliotto.
A disposizione: Enslin, Frigerio, Bussani, Vacirca, Draghi.
Allenatore: Sebastian Damiani

Arbitro: Filippo Russo

Marcatori: Primo tempo: 6’cp Cavallo; 9’cp Aru; 29’ cp Aru; 32’cp Cavallo.
Secondo tempo: 13’meta tecnica; 30’cp Aru; 40’m Corvino tr Aru

NOTE: 17’cg Rossi; 36’cg Rusconi