U18: ritorno in campo in forma smagliante. Battuti i Lyons per 36-10

L’head coach Ceretti: «La squadra ha dato prova della propria miglior prestazione stagionale»

Ampio e convincente successo per  I Centurioni U18 guidati da Pierangelo Ceretti, Nicola Letinic e Stefano Scanferla, al ritorno alle competizioni dopo alcune settimane di pausa.

Sul campo dei Lyons, i rossoblu hanno conquistato una vittoria rotonda per 36-10, al termine di un incontro mai in discussione, nonostante le numerose assenze a causa delle prime influenze invernali.

Questo il 15 scelto per affrontare la sfida dal primo minuto: Monteleone, Firmo, Bugatti, Giori, Pintossi, Pini, Ricchini M., Brunelli, Melzani, Zubani, Cela, Prandelli, Facchinetti, Ricchini L., Zanelli.
A disposizione: Dobja, Alexandru, Cometti, Pili, Marra.

Ripercorrendo la cronaca del match, ad aprire le marcature è stata l’apertura Pini seguita, poco dopo, dall’estremo Monteleone per il 12-0 con il quale si è chiusa la prima frazione. Nella ripresa, muove nuovamente il tabellone Firmo, seguito in sequenza dal rientrante da una lunga assenza Giori, dalla seconda meta di giornata di Monteleone e dal centro Bugatti.

«Dopo un mese di stop e su un campo ai limiti della praticabilità i ragazzi hanno dato prova di grande maturità – commenta soddisfatto l’head coach Ceretti -, mettendo in campo la migliore prestazione da inizio stagione. I malanni stagionali e gli infortuni ci hanno fatto affrontare la partita con le opzioni ridotte all’osso, ma la prova è stata comunque di qualità. Una prima linea interamente al primo anno e su un campo così pesante non ha variato il nostro stile di gioco. Inoltre, voglio sottolineare come siano paradossalmente stati utilizzati gli spazi molto di più oggi che nelle altre partite in condizioni asciutte. Nel primo tempo, il dominio territoriale è stato totale, complice anche l’intenzione degli avversari di non rinunciare a giocare alla mano. Abbiamo commesso qualche errore gestuale comprensibile, viste le condizioni meteo, e sulle superiorità numeriche. Una maggiore accuratezza avrebbe senza dubbio consentito uno score ancora più ampio. Sottolineo infine il buon rientro di Giori, rientrante proprio in questo match dopo uno stop forzato di due mesi a causa di un infortunio alla spalla».