Nuovo successo per i Centurioni U18: ampia vittoria contro il Rugby Orio

Continua la striscia positiva per il 15 di Ceretti e Letinic

Con un rotondo punteggio di 50-0 al 40’ minuto di gioco si è chiuso il match casalingo della formazione U18 de I Centurioni contro gli avversari del Rugby Orio. Sul sintetico del “Rossaghe”, infatti, l’arbitro ha chiuso anzitempo la contesa, a causa del numero di disponibili della formazione bergamasca non più sufficiente per concludere il tempo regolamentare.

Questo il 15 partito dal primo minuto: Monteleone, Firmo, Bugatti, Giori, Marra, Pini, Ferremi, Brunelli, Cometti, Zubani, Cela, Prandelli, Facchinetti, Cantoni e Zanelli.

Sedevano invece in panchina: Ricchini, Dobja, Alexandru, Melzani, Pili e Pintossi.

Il match è partito subito sui binari giusti per i rossoblu. Al 10’, infatti, il vantaggio di Brunelli & co era già di 14-0, grazie alle mete trasformate da Monteleone di Prandelli al 5’ e di Luca Ricchini al 10’. I Centurioni, però, non mollavano la presa e già al 16’ centravano il bonus offensivo grazie alle segnature di Firmo e di Monteleone. Padroni di casa che continuavano lo show: al 18’, infatti, era Zubani, su pregevole spunto del ritrovato Giori, in campo dopo una lunga assenza per infortunio, ad andare in meta. L’altra ondata di segnature si registrava alla mezz’ora, prima con Bugatti e successivamente con Pini. Anche la ripresa evidenziava la medesima trama. Al 4’, infatti, l’estremo Monteleone schiacciava la propria doppietta di giornata, ma solo un minuto dopo il match terminava per un infortunio avversario che lasciava gli ospiti in 14, impossibilitati a continuare.

«La partita è iniziata sin da subito in discesa, grazie a punti d’incontro determinati e ad un discreto riutilizzo. Questi due elementi ci hanno consentito di chiudere sostanzialmente il match a metà della prima frazione – commenta l’head coach Ceretti -. Abbiamo mostrato inoltre un netto dominio nell’uno contro uno, così come sottolineo positivamente l’esperimento di Ferremi con la maglia numero 9, vista la convocazione di Ricchini con la formazione seniores».