U18: sconfitta nel derby contro il Rugby Franciacorta

Coach Ceretti: «I giochi sono ancora tutti aperti. Fondamentale tornare subito alla vittoria»

I Centurioni U18 guidati da Pierangelo Ceretti e Nicola Letinic cedono nel big match di giornata contro i diretti avversari del Rugby Franciacorta con il netto risultato di 35-7.

Una sconfitta che porta le due formazioni ad occupare la prima posizione con 60 punti all’attivo, sebbene gli avversari abbiano un match da recuperare.

Questa la formazione scesa in campo dal primo minuto: Monteleone, Capretti, Firmo, Zubani, Marra, Pini, Ferremi, Brunelli, Cantoni, Melzani, Cela, Zanelli, Facchinetti, Ricchini L., Hasnabi.
A disposizione: Dobja, Cometti.

I primi ad andare in vantaggio sono gli ospiti del Franciacorta che all’11’ schiacciano la prima segnatura del match. La seconda giunge cinque minuti dopo per il temporaneo 12-0. Entro la fine del parziale, gli avversari centrano il tris, chiudendo il primo tempo in vantaggio per 15-0. Nella ripresa, la trama non cambia. Franciacorta spinge ancora e al 5’ trova un calcio piazzato seguito al 12’ dalla quarta meta e al 19’ dalla quinta.
La meta della bandiera è di capitan Brunelli al 22’, con la collaborazione precisa di Ferremi al piede. A chiudere definitivamente la contesa, il calcio di punizione messo a segno dagli ospiti al 37’ per il 35-7 finale.

«L’analisi dell’incontro è incentrata su un aspetto, dal quale sono anche discese le modalità con le quali gli avversari sono andati in meta – commenta l’head coach Ceretti -: c’è mancato parecchio il mordente nell’uno contro uno, in particolare nel pacchetto di mischia dove siamo stati messi spesso in difficoltà, consentendo a Franciacorta di giocare sempre in avanzamento. Non è un caso, infatti, se sovente gli avversari hanno fatto ricorso al pick and go: ci hanno sondato e ci hanno trovato soffici soprattutto vicino al punto di incontro. Nei primi dieci minuti abbiamo impostato il gioco su diverse fasi, ma con poca efficacia. Successivamente, iniziando a perdere i primi palloni, abbiamo cominciato a fare fatica a fare qualsiasi scelta. Ciò ha dato vita ad una partita disputata quasi totalmente in difesa, aspetto nel quale abbiamo dimostrato una buona organizzazione così come salite corrette, ma abbiamo subito la collisione in particolare con gli avanti. Questo aspetto si è rivelato anche alla base delle segnature messe a segno da Franciacorta. Chiaramente è un peccato arrivare in questa parte della stagione con queste difficoltà, e i giochi sono ancora tutti aperti, anche per la seconda posizione vista la distanza di soli quattro punti dal Mantova.
Aver incontrato una formazione che poteva contare su avanti all’ultimo anno di Under 18, a differenza dei nostri generalmente più giovani, credo che possa aver fornito un’ottima esperienza per il nostro gruppo. Sono convinto che anche da questi incontri complessi la squadra possa estrarre importanti tasselli di crescita in ottica della prossima stagione. Voglio comunque sottolineare che è stato evidente il grande impegno messo in campo da tutti i giocatori che però, purtroppo, non è stato sufficiente. Adesso avremo un turno di riposo e successivamente torneremo in casa per affrontare i Lyons, ma non recupereremo i quattro infortunati in ruoli chiave: sarà molto importante conquistare una vittoria per rimanere in corsa».