U18: vittoria con bonus contro il Verbania. 54-32 lo score finale

Coach Ceretti: «Buona la reazione nella seconda frazione che ha ristabilito le distanze»

Vittoria ampia in trasferta per la formazione U18 guidata da coach Pierangelo Ceretti coadiuvato da Nicola Letinic. I Centurioni, sul campo del Verbania, hanno chiuso la contesa con un successo con bonus frutto del 54-32 finale.

Questo il 15 in campo dal primo minuto: Pini, Marra, Firmo, Bugatti, Cometti, Ferremi, Ricchini M., Brunelli, Melzani, Cela, Pasqua, Dridi, Zanelli, Ricchini L., Tacconi.
A disposizione: Gamba, Cedoni, Cavagna, Capretti.

I Centurioni partono con il piede giusto. Il centro Bugatti, al 3’, fa tutto da solo e schiaccia in meta sedendo la difesa dei padroni di casa per il 5-0 temporaneo. Ma Verbania approfitta delle ingenuità rossoblù e va in sorpasso all’8’ con una meta trasformata che porta il parziale sul 7-5. Al quarto d’ora il vantaggio dei padroni di casa sale fino al 17-5, frutto di un calcio piazzato e della seconda segnatura schiacciata oltre la linea di meta bresciana. Al 18’, Melzani riaccende i suoi andando in meta. Mattia Ricchini è preciso dalla piazzola per il parziale di 17-12, ma la carica del Verbania non è esaurita. Al 32’ i padroni di casa schiacciano la terza meta del pomeriggio per il 22-12. Prima del termine della frazione, Bugatti trova la sua doppietta domenicale. Le due squadre vanno pertanto al riposo sul 22-19. Nel secondo tempo gli ospiti alzano i giri e già al 2’ Luca Ricchini trascina i suoi oltre la linea, centrando così la meta del bonus offensivo. La risposta al 6’ del Verbania sembra riaprire i giochi, con i padroni di casa che riacciuffano il vantaggio minimo per 27-26. Sarà però l’ultimo fino al termine della contesa. Al 10’, capitan Brunelli porta i suoi sul 33-27, seguito dalla meta del 16’ di Cedoni, dalla seconda meta domenicale di Luca Ricchini al 25’ e di Marra al 28’. Sul 54-27, i padroni di casa muovono per l’ultima volta il tabellone che si ferma sul 54-32 per I Centurioni.

«Nel primo tempo credo che i ragazzi si siano trovati a sciogliere l’inattività delle due settimane trascorse senza l’agonismo delle partite ufficiali da disputare – commenta l’Head Coach Pierangelo Ceretti -. I ragazzi in trasferta fanno sempre un po’ fatica ad accendersi subito e nel primo tempo abbiamo commesso molti errori, concedendo punti agli avversari, tutti frutti delle nostre leggerezze. Come ho detto ai ragazzi, abbiamo incassato 32 punti: non li abbiamo subiti da Varese, la formazione più quotata contro cui abbiamo giocato fino ad ora, e nemmeno sommando i passivi delle prime due uscite. Ad eccezione, inoltre, di una sola meta frutto di un errore nel placcaggio, le altre sono state tutte risultato di intercetti e scelte di gioco sbagliate. Nella prima frazione credo che sia mancata l’attitudine e la concentrazione dell’esecuzione. Nell’intervallo ho chiesto di alzare immediatamente i giri della loro prestazione, adeguandola ai ritmi ai quali siamo abituati nelle nostre sedute di allenamento. I ragazzi hanno dimostrato sin dal rientro in campo una grande reazione, pertanto ritengo che il bilancio di questa uscita sia positivo, vista la determinazione del gruppo di ristabilire le giuste distanze tra le due forze in campo. Sono soddisfatto nel complesso della crescita del gruppo e, in particolare, dei ragazzi saliti nella categoria in questa stagione. Oggi sono partite dal primo minuto le prime linee Tacconi e Gamba, entrambi autori di una prestazione positiva. Cedoni, di partita in partita, sta continuando a crescere, così come Cavagna. Una maturazione che deriva anche dalla presenza costante del gruppo agli allenamenti. Purtroppo questa prima di campionato infarcita di pause non ci aiuta a tenere alta la tensione. Un ritmo blando di impegni che rendono le partite come se fossero sempre un esordio».