Seniores #A: ko contro l’esercito Biella, ma il secondo tempo è la nuova partenza rossoblù

L’Head Coach Geddo: «Tanto da lavorare, ma partiamo dall’attitudine della seconda frazione per affrontare il futuro»

Sebbene il 29-3 casalingo contro il Biella non consegni alcuna lunghezza per la classifica de I Centurioni, il 15 di coach Geddo può ripartire da una seconda frazione di grande carattere, nella quale ha sfidato gli ospiti proprio nei loro punti di forza. Il mediano di apertura gialloverde Sam Evans è stato premiato come Residenza dei Limoni Man of the Match grazie alla precisione alla piazzola e all’ottima capacità di smistare il gioco nel corso dell’incontro. 

Per I Centurioni, pertanto, nulla si muove nella classifica del primo girone di serie A, nella quale continuano ad occupare l’ultima piazza. Gli altri risultati di giornata hanno evidenziato la vittoria dell’Accademia Nazionale “Francescato” sul campo dell’Alghero per 47-17, del Recco sul Rugby Milano  per 17-12 e del Settimo Rugby Torino, in trasferta, sul Parabiago per 19-12. Rinviato per maltempo il derby universitario tra CUS Torino e Genova.

La cronaca
L’inizio del match evidenzia il dominio del Biella in mischia chiusa, con I Centurioni che cercano di resistere ad uno stato di forma dei propri avanti non ottimale. E i primi punti degli ospiti giungono proprio dalla conquista sicura dell’ovale e da una rapida apertura dell’ovale. Il flanker Mastrorosa schiaccia l’ovale oltre la linea già al secondo minuto. Evans perfeziona dalla piazzola per il 7-0 temporaneo. Sulla ripresa I Centurioni risalgono il campo grazie ad una buona gestione al piede dell’apertura Cosio. Biella viene sanzionata dall’arbitro nella prima mischia disputata nella propria metà campo e per i rossoblù c’è la possibilità di muovere il tabellone. Aru dalla piazzola manca di poco i pali, lasciando così immobile lo score. Ci pensa al 14’ Evans, al contrario, a capitalizzare un calcio di punizione a distanza ravvicinata che consente così di allungare sul 10-0. I Centurioni, però, non ci stanno e risalgono nuovamente il campo. Il piede di Cosio chiama in causa Bandera che, in volo, coglie l’ovale. Il gioco si sposta così nella metà campo del Biella con I Centurioni che provano subito a rendersi pericolosi con rapide aperture dell’ovale. Il risultato è un calcio di punizione che questa volta Aru non si fa scappare per il 10-3 al 17’. Tre giri di lancetta dopo e il pilone rossoblù Trevisani è costretto a lasciare il campo per il riproporsi di un disturbo che sembrava essere stato gestito durante la settimana. Al suo posto subentra Piovani. La mischia che ne deriva subito dopo risulta troppo dura da arginare e ne scaturisce la seconda meta del Biella per il 17-3 del 24’. Ma continuano le brutte notizie per le prime linee di coach Geddo. Piovani esce alla mezz’ora, con una spalla colpita duramente. Subentra così il giovane Gennari, chiamato subito agli straordinari vista la prestanza del pack piemontese. Ma la trama del gioco di Biella è chiara. Il possesso territoriale viene gestito attraverso touche nei 22 metri avversari, con drive possenti fino alla linea di meta. Una strategia che porta alla terza segnatura gialloverde schiacciata dal pilone Panigoni. I Centurioni, però, non mollano negli ultimi istanti della frazione. Buona la percussione di Bertussi, subentrato a Boschetti, dal quale Cosio innesca al piede la corsa di Mokom tra le maglie del Biella. La meta sfuma solo per una manciata di centimetri. Si va così al riposo sul 22-3 per gli ospiti. Nella ripresa, coach Geddo sostituisce Savardi e Franzoni, sostituiti da Casini e Cantoni. Scanferla & Co alzano i ritmi nel ritorno in campo, ritrovando equilibrio nelle fasi di conquista – sia touche che mischie -, ostruendo il gioco del Biella, non più così brillante. Inoltre, ritrovano il possesso dell’ovale e del territorio, instaurandosi nella metà campo avversaria. Il terzo quarto è interamente ad appannaggio dei Centurioni, capaci, inoltre, di disturbare con competenza le manovre piemontesi. Biella torna nella metà campo bresciana alla mezz’ora, ma I Centurioni sono bravi nel contenere le manovre avversarie, manifestando una costante attitudine avanzante ed offensiva. I Piemontesi cercano con insistenza la meta del bonus, ma la trincea rossoblù regge con grande carattere ai colpi ospiti fino al 40’, quando una mischia sui 5 metri bresciani consente al numero  8 Cassutti di trovare il 29-3 al termine di una frazione di apnea.

 


Il commento dell’Head Coach Geddo
«L’attitudine è stata sicuramente molto positiva e rispetto a Milano la squadra ha mostrato di avere una marcia in più. Abbiamo ricevuto al contempo le indicazioni sul lavoro che dovremo implementare nei prossimi giorni, ovvero la difesa sui drive, vista l’efficacia dimostrata dal Biella, e la consistenza in mischia chiusa. Questo sport ritengo che sia interamente ancorato su principi inalterabili: la mischia più forte fa sempre la differenza e oggi è stato confermato indubbiamente questo assioma. Usciamo allo stesso tempo da questo impegno con la consapevolezza di esserci dimostrati a fuoco, autori di una prestazione consistente nell’attitudine e ritengo che tutti abbiano mostrato di esserci con grande carattere. Purtroppo ci troviamo a commentare nuovamente una condizione dell’infermeria tutt’altro che positiva, con il quadro clinico delle nostre prime linee non ancora chiaro, ma non certo positivo. Valuteremo in settimana come si evolveranno le condizioni di Piovani e Trevisani. Ringrazio Gennari per l’attitudine e il sacrificio che lo hanno portato a tenere duro per ben più di un tempo, periodo che era stato stabilito per il suo contributo. La scelta di oggi era di ripartire dalle nostre radici e oggi hanno preso posto i giocatori che attivamente hanno contribuito al percorso che ha portato la squadra a questo ritorno in serie A e a loro, come a tutta la squadra, voglio rivolgere i miei plausi per la serietà e la determinazione messe in campo oggi. L’aspetto che mi rammarica maggiormente di questa prestazione è rivolto alle occasioni che abbiamo avuto in fase offensiva abbiamo commesso imprecisioni che ci avrebbero consentito di mettere a segno qualche punto in più. Ora tra noi e Biella c’è una distanza innegabile, ma non certamente in tema di attitudine. Dobbiamo continuare a lavorare con umiltà, ripartire da ciò che a Milano, anche in un match perso pesantemente, e oggi contro Biella abbiamo gestito positivamente. Su queste basi intendiamo continuare a costruire la nostra stagione».

Tabellino marcatori
Villa Carcina (BS), MAW Stadium – Domenica 24 novembre 2019
SERIE A Girone 1, 5° giornata

I Centurioni Rugby v Biella Rugby Club  3 – 29  (0-5)

Marcatori: p.t. 2’m Mastrorosa tr Evans (0-7); 14’c Evans (0-10); 17’cp Aru (3-10); 24’m Du Plessis tr Evans (3-17); 38’m Panigoni (3-22).
S.t 40’st Cassutti tr Evans (3-29).

Centurioni Rugby: Aru; Secchi Villa, Mokom, Savardi (1’st Casini), Bandera (32’st Giori); Cosio, Gazzoli (19’st Gelmini); Scanferla (Cap), Boschetti (40’pt Bertussi), Berardi (15’st Gandolfi), Daniel, Pasotti; Trevisani (20’pt Piovani; 30’pt Gennari), Hliwa, Franzoni (1’st Cantoni).
All. Geddo

Biella Rugby Club: Araujo (15’st Musso); Lancione, Grosso, Laperuta (15’st Benettin, Ongarello; Evans, Della Ratta (22’st Tomaselli); Cassutti, Mastrorosa (10’st Loretti), Du Plessis, Panaro (10’st Pellanda), Benchea; Vaglio (22’st Chaabane), Zorzetto (40’pt Sangiorgi), Panigoni (5’st Zacchero).
All. Birchall

Arbitro: Francesco Crepaldi (Milano) 
AA1 Pretoriani (Milano); AA2 Scrimieri (Milano)

Calciatori: Aru (I Centurioni Rugby) 1/2, Evans (Biella Rugby Club) 4/5.

Note: giornata piovosa, terreno in perfette condizioni, spettatori presenti circa 500

Punti conquistati in classifica: I Centurioni Rugby 0 Rugby Biella Club 5

Player of the match: Sam Evans (Biella Rugby Club)