Seniores #A: altro scontro ad alta quota. Domenica trasferta contro il TK Rugby Torino

L’Head Coach Geddo: «Trama dell’impegno molto simile a quella del match contro Biella. Focus su fasi di conquista e drive»

I Centurioni Rugby sono pronti ad affrontare la sesta giornata di campionato. Domenica 1 dicembre, con kick off alle 14,30, il 15 di coach Geddo affronterà in trasferta il TK Rugby Torino, terza forza nel girone con 17 lunghezze all’attivo, e a tre di distanza dalla vetta, occupata dall’Accademia Nazionale “Francescato”. Per i Piemontesi sono quattro le vittorie conquistate e giunte proprio contro la selezione federale, Rugby Milano, Parabiago e Pro Recco, con quest’ultima maturata con un vantaggio di 12 punti, il più ampio delle prime cinque uscite. Anche l’unica sconfitta – incassata contro Biella – non ha fatto difetto: tutti i match disputati sino ad ora dalla formazione torinese, fatta eccezione per quello contro la formazione ligure, si sono chiusi con un divario uguale o inferiore ai 7 punti di distacco.

Per gli uomini di Geddo la classifica vede ancora una sola lunghezza conquistata, maturata grazie ad un bonus difensivo centrato nella trasferta della seconda giornata contro il CUS Genova. In classifica, pertanto, Scanferla & Co occupano l’ultima piazza alle spalle di Alghero (con 4 punti di margine) e degli universitari genovesi, a +5, ma con un turno da recuperare.

Dopo gli ottanta minuti di pura sofferenza contro il Rugby Milano nel quarto turno stagionale, I Centurioni, contro Biella, hanno mostrato un secondo tempo di grande crescita, nel quale sono stati evidenti i passi in avanti in termine di carattere e determinazione: ingredienti che hanno costretto i quotati avversari a trovare la meta del bonus offensivo solo al termine della frazione. Inoltre, nel 29-3 finale, Scanferla e compagni possono pensare con rammarico alle occasioni di andare a punti sfumate per dettagli e che, se finalizzate, avrebbero potuto consegnare uno score meritatamente più equilibrato.

«Ritengo che andremo ad affrontare un impegno per larghi tratti molto simile allo scorso, contro Biella – commenta l’Head Coach Alessandro Geddo -. Settimo, infatti, proprio come la formazione gialloverde, fa delle fasi di conquista, mischie e touche, e dei drive i propri marchi di fabbrica. Saranno, pertanto, 80 minuti molto intensi per i nostri avanti. La nostra difesa sarà chiamata a fornire un’ottima prova di sé, dimostrando versatilità. Ciò sarà fondamentale per evitare che gli avversari possano mettere in moto il loro gioco nel quale hanno qualità davvero spiccate, sia in termini fisici che tecnici. Non ci nascondiamo: siamo ancora in emergenza con la nostra prima linea e questo è certamente un problema. Trevisani sarà out, su Piovani stiamo attendendo di comprendere se e come potrà essere recuperato».

«La settimana che chiudiamo oggi è stata contraddistinta da un lavoro intenso proprio sugli organi difensivi nelle fasi di conquista – continua il tecnico rossoblù – e nel gioco aperto, dove dovremo essere competenti per rallentare i palloni degli avversari. Contro Biella, inoltre, abbiamo concesso troppi calci di punizione che hanno consentito agli avversari di entrare nella loro comfort zone costituita da calci in touche seguiti da drive. La disciplina contro Settimo Torinese dovrà essere un elemento al quale dovremo prestare attenzione massima, proprio per evitare di metterci in difficoltà». Infine, «il cambio di campo richiesto dalla società ospitante nelle scorse ore a causa dell’impraticabilità dell’impianto principale – conclude Geddo – potrebbe venire dalla nostra. Giocheremo, infatti, su un manto sintetico e con dimensioni ridotte, più simile al “Rossaghe” sul quale ci alleniamo con regolarità. L’aver evitato un fondo pesante ritengo e auspico che possa favorire il piano di gioco pensato per l’impegno».

Nelle sedute di allenamento, hanno riportato infortuni che fermeranno, per questo incontro, il mediano di apertura Cosio e il centro Mokom e che andranno a popolare l’infermeria già affollata. Saranno ancora fermi ai box Armanasco, Florio, Lepre, Lupatini, Mariani, Nicoli, Seye, Trevisani, Zaffino e l’indisponibile Rossetti.

Buone notizie per Bellandi, che torna a disposizione, e per Nicoli: il recupero della seconda linea vicentina, infatti, a seguito degli esami diagnostici sostenuti, potrebbe essere più rapido di quanto parso in precedenza.   

Questa la probabile formazione che affronterà la trasferta torinese: Gelmini, Secchi Villa, Franceschini, Savardi, Giori, Aru, Gazzoli, Scanferla (Cap), Berardi, Boschetti, Pasotti, Daniel, Gennari, Hliwa, Piovani.

A disposizione: Franzoni, Cantoni, Bellandi, Bertussi, Gandolfi, Casini, Bandera