Prima del 2020, ultima dell’andata. Seniores #A pronta allo scontro diretto in trasferta contro Alghero. Kick off anticipato alle 12

L’Head Coach Geddo: «Appuntamento molto importante, dal quale ci attendiamo un riscatto e non solo nei risultati»

Scanferla & Co affronteranno i diretti avversari dell’Amatori Alghero sul campo sardo. Kick off alle 12

Esordio per il nuovo arrivato in casa rossoblù. Dal Rugby Colorno giunge il pilone Antonino Aloè

L’Head Coach Geddo: «Appuntamento molto importante, dal quale ci attendiamo un riscatto e non solo nei risultati»

 

Si disputerà alle 12 di domenica 12 gennaio l’ultimo turno del girone di andata del girone 1 di serie A per I Centurioni Rugby. In anticipo rispetto alle altre partite in programma, infatti, il 15 di coach Geddo incontrerà, in trasferta, l’Amatori Alghero, diretta avversaria delle zone basse della classifica. Scanferla e compagni, ultimi con due lunghezze conquistate, si trovano proprio sulle tracce del 15 sardo, davanti di quattro. Alla stessa distanza si trova il CUS Genova, formazione contro la quale Alghero ha incassato cinque dei sei punti conquistati sinora. A completare il bottino del team isolano il bonus mete strappato nell’ultimo turno dell’anno, in trasferta, contro il Rugby Milano.

Per I Centurioni, gli scontri con le teste di serie del girone proposti dal calendario nelle ultime uscite non hanno concesso alcuno scossone positivo per la classifica. Allo stesso tempo, però, non sono mancati i segnali di una reazione d’orgoglio. Uno spirito che, seppur combattivo, è stato irrimediabilmente fiaccato dall’emergenza infortuni che ha messo in ginocchio sì il pacchetto di mischia rossoblù, ma che ha anche limitato le opzioni nella linea arretrata. La lista interminabile di infortuni gravi, unita ad altre condizioni tutt’altro che ottimali di piloni e tallonatori, hanno anche portato ad affrontare Biella, Recco e CUS Torino in inferiorità numerica per ampie porzioni di match. Una condizione, quest’ultima, finalmente prossima ad un miglioramento.

Il match contro Alghero sarà anche l’esordio nel gruppo rossoblù di Antonino Aloè, pilone siciliano che verrà ufficialmente presentato la prossima settimana, ma che non ha voluto mancare ad un appuntamento così importante per Scanferla & Co. Classe 1999, la prima linea è cresciuta nelle fila del CUS Catania. Guadagnatosi successivamente l’accesso nell’Accademia Nazionale «Ivan Francescato» si è poi trasferito, nella stagione 2018/2019, al Rugby Colorno, prestigiosa formazione di Top 12. Importante infine la sua esperienza con la maglia azzurra, vestita nelle formazioni U17 e U18 con le quali ha preso parte ad importanti impegni internazionali.

«Partiamo dalla buone notizie – descrive l’Head Coach Alessandro Geddo -. Ritornano a disposizione sei giocatori, fermi ai box da tempo, uno dei quali in attesa dell’esordio assoluto con la nostra maglia. La pausa natalizia ha infatti consentito la piena ripresa di Florio (infortunatosi duramente in un’amichevole in pre season ndr), Gelmini, Hliwa e Mokom. Pronto al ritorno in campo, dopo lunghi mesi di stop, la terza linea Mariani il quale, giunto durante l’estate, ha lavorato con serietà per ritrovare la forma e tornare in campo». Questi rientri consentiranno, inoltre, alla mischia rossoblù di riprendersi il proprio ruolo in campo e di fornire il proprio importante contributo. «Il pack dimostra una sana impazienza di tornare a dire la propria dopo un mese di sofferenza pura. Proprio sulla prestazione dei nostri primi otto uomini vogliamo ritornare a dire la nostra – continua il tecnico -. Allo stesso tempo, tutto il gruppo sta mostrando una tensione positiva crescente con l’avvicinarsi della trasferta ad Alghero. Non ci nascondiamo: tutti sappiamo di trovarci alla vigilia di un match certamente molto importante per la nostra stagione. Affrontiamo un diretto avversario per la salvezza, contro il quale fare punti sarà determinante. Ma il rilievo di questo impegno non è solo legato al risultato che ci restituirà il campo. Ci aspettiamo che il 2020 parta all’insegna di un’inversione tendenza che, oltre a riflettersi sulla nostra classifica, mostri una crescita nel gioco, nell’attitudine e nel sentiment di tutto il gruppo squadra. Stiamo tutti lavorando duramente proprio per dare corpo a questo cambiamento profondo, sul quale vogliamo costruire la seconda parte della nostra stagione».

L’identikit dell’avversario, secondo il tecnico, vede alcuni elementi di somiglianza con I Centurioni. «Alghero sta vivendo, proprio come noi, significative difficoltà in questo campionato – continua Geddo -, ma è una formazione pungente, alla quale dovremo prestare molta attenzione. La prova è senza dubbio il bonus offensivo che ha strappato sul campo del Milano: un risultato che descrive una formazione in grado di offendere e di ferire anche avversari di rango. Inoltre, proprio come nel nostro caso, la formazione sarda ha effettuato un cambio di guida tecnica in corsa e questo elemento aumenta le somiglianze reciproche tra le due squadre. Tecnicamente i nostri avversari hanno una buona propensione a sfruttare fruttuosamente palloni di recupero, trasformandoli in punti. Per questo motivo, con il mio assistente Pinna, abbiamo puntato l’attenzione sull’organizzazione difensiva in caso di perdita di possesso, così come sulla disciplina, vista la buona capacità al piede dei giocatori sardi. Credo, inoltre, che rispetto a buona parte degli avversari che abbiamo incontrato fino ad ora, Alghero sia una formazione più equilibrata, e meno orientata a costruire il proprio gioco principalmente sulle caratteristiche tipiche degli avanti».

La risposta rossoblù dovrà essere incentrata sulla fisionomia che il tandem Geddo – Pinna ha inteso imprimere alla formazione guidata da capitan Scanferla. «Riavremo a disposizione la competenza della nostra mischia e questo ci consentirà di ritrovare le nostre radici – spiega il direttore tecnico -. La diffusa velocità media della linea dei nostri trequarti, inoltre, ci fa propendere per l’adozione di un gioco corale che preveda l’attacco da spazi aperti, che non consegni pertanto palloni alla linea arretrata da piattaforme stabili. Intendiamo seguire questo canovaccio e ad Alghero ci aspettiamo di vedere dalla squadra una maggiore confidenza in queste direttive su cui stiamo lavorando. Riteniamo che l’attenzione e la ricerca di precisione e sincronia che stiamo registrando in queste sedute di allenamento da parte della squadra siano un ottimo viatico per l’impegno importante che ci attende».

Non potranno essere del match gli infortunati: Armanasco, Cantoni, Cosio, Lepre, Lupatini, Morandi e Zaffino. Indisponibile Pasotti.

Questa la probabile formazione che affronterà l’Amatori Alghero Rugby: Bandera, Secchi Villa, Casini, Savardi, Azzini, Aru, Gazzoli, Scanferla (Cap), Berardi, Bertussi, Nicoli, Daniel, Trevisani, Florio, Franzoni.                 .

A disposizione: Seye, Hliwa, Aloè, Gandolfi, Mariani, Franceschini, Gelmini, Mokom.

Arbitra l’incontro il signor Antonino Nobile (FR).

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp