U16: ancora un successo con bonus. Superato Ticinensis per 57-12

Head Coach Geddo: «Avversario molto fisico e dotato, ma Centurioni sempre padroni del match»

I Centurioni U16 guidati dall’Head Coach Alessandro Geddo coadiuvato da Peter Mokom e Stefano Scanferla continuano nel loro percorso netto in questa fase stagionale centrando il terzo successo consecutivo con bonus nel girone A della fase regionale.

In trasferta sul campo di Cesano Boscone dove gioca l’FTGI Ticinensis i rossoblù hanno strappato un successo per 57-12, al termine di un incontro dominato in tutti gli aspetti del match.

Questo il 15 sceso in campo dal primo minuto: Peli; Causetti, Damioli, Aurola, Perini; Mantovani, Fava; Zubani, Bugatti, Cantoni, Singh, Taglietti; Solfrini, Piccinelli, Di Cesare.
A disposizione: Mino, Tinelli, Bisioli, Piccinotti, Micheletti, Pinzariu.

Ad aprire le marcature è il capitano di giornata Mattia Bugatti, chiamato a prendere il testimone dell’infortunatoNicola Cavagna -, al secondo giro di lancetta dal fischio d’inizio. Aurola è preciso dalla piazzola per il temporaneo 7-0.
Al 10’, è proprio Aurola ad andare in meta per il 12-0 temporaneo. Entro il termine della frazione, I Centurioni vanno in meta altre tre volte – due delle quali con Damioli e una con Mantovani -, andando al riposo con il vantaggio per 29-0.
Nel primo quarto d’ora, I Centurioni varcano la linea avversaria altre tre volte – due le mete di Bugatti e una di Piccinelli –, portando lo score sul 50-0. Nei minuti successivi i padroni di casa muovono il tabellino, andando a segno con due mete. A chiudere la contesa, però, ci pensa Mantovani al 27’. Aurola completa con una precisa trasformazione per il 57-12 finale.

«Abbiamo affrontato una formazione molto fisica e che al suo interno contava su alcune individualità dalle spiccate doti atletiche, già osservate e inserite nell’attività di area, molto competitiva nel Milanese – commenta l’Head Coach Geddo -. Detto ciò, i ragazzi sono stati impensieriti raramente dalle azioni, in prevalenza individuali, messe in campo dagli avversari. La partita è iniziata subito nel verso corretto. Bugatti, al 2’, ha rotto due placcaggi schiacciando l’ovale in mezzo ai pali. Un inizio che ha dimostrato sin da subito l’andamento dell’incontro, mai in discussione. Abbiamo, infatti, aperto un ampio gap nella prima frazione. Nella ripresa un ritorno dei Ticinensis al quale, però, abbiamo risposto colpo su colpo. Sono molto soddisfatto per molte ragioni: positiva la conquista, sia in mischia che in touche dove iniziano a mostrarsi lanci competenti anche nell’ultimo blocco salto. Alterniamo inoltre i drive quando servono ad un gioco alla mano, dimostrando un buon equilibrio. Tutti i ragazzi sono strutturati nell’uno contro uno e nell’uscita dal frontale: si sono infatti viste mete costruite con modalità diverse in funzione della situazione, con automatismi acquisiti. Andremo ora a lavorare su una salita difensiva più efficace e veloce e su placcaggi in avanzamento. Resta inteso che, contro avversari possenti come quelli del Ticinensis, non era certamente compito facile per i ragazzi compiere placcaggi che riuscissero a spingere indietro il portatore di palla. I ragazzi hanno dimostrato buona competenza e ottima comprensione di turn over, raddoppio del placcaggio e del regolamento. Sono senza dubbio soddisfatto di quanto mostrato dal gruppo e dallo sviluppo di competenze che sta dimostrando con costanza e serietà».
  



 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp