Michela Fiorelli è l’ultimo tassello dello staff tecnico delle Lilium, settore femminile de I Centurioni Rugby. L’ex campionessa d’Italia con la maglia del Rugby Colorno completa, infatti, la squadra di allenatori allestita dal responsabile Amedeo Ghidini e composta dallo storico rossoblù Nevio Pasotti e dal preparatore atletico Pietro Papetti.

Michela, classe 1983, nasce in un contesto famigliare targato rugby, sport al quale però approda per la prima volta in U12, giocando nel Rugby Brescia. Il ritorno, coinciso con l’inizio del suo periodo rugbistico più prolifico, avviene, sempre con la maglia del club cittadino, a 26 anni, quando inizia disputando tre stagioni di Coppa Italia. Trasferitasi successivamente a Calvisano, per la nuova allenatrice rossoblù si spalancano le porte del rugby a 15, grazie al tutoraggio che il Rugby Colorno svolgeva sul club giallonero. Proprio con la maglia della società emiliana Michela ha anche conquistato nel 2018 il titolo di campione d’Italia.

«Prendo questo nuovo modo di intendere il rugby con entusiasmo e voglia di imparare e mettermi alla prova – commenta Michela -. Voglio portare nel club e al gruppo di ragazze che lavoreremo per far crescere sia qualitativamente che quantitativamente la mia esperienza e le mie caratteristiche sia umane che tecniche. Mi aspetto che questo club tratti il rugby femminile semplicemente con lo stesso interesse che rivolge per il resto del movimento e sono più che convinta che accadrà. La prospettiva a medio termine di allestire una squadra a 15 è una delle prove del sincero interesse che gli viene rivolto».

«Sono molto felice che Michela abbia deciso di accettare la nostra proposta perché ho personalmente voluto che fornisse il suo contributo – afferma Amedeo Ghidini, responsabile delle Lilium -. Il suo carisma, il suo approccio sempre propositivo assieme alle sue qualità tecniche da giocatrice rappresentano un ottimo tessuto su cui cucire il suo futuro da allenatore. Inoltre, ritengo che sia fondamentale avere all’interno dello staff del settore un tecnico donna, perché garantisce il completamento dell’offerta formativa, anche in termini comunicativi con il gruppo squadra. Io, Michela, Nevio e Pietro lavoreremo in piena sinergia: le giocatrici, in questa fase di costruzione, avranno tutte queste figure contemporaneamente in campo e ciascuna lavorerà su aspetti specifici della loro crescita».

«Un sincero benvenuto da parte della società a Michela – conclude il General Manager Luca Raza -, alla quale auguriamo un buon lavoro e una stagione di soddisfazioni con i nostri colori. La partenza del progetto sportivo femminile de I Centurioni Rugby rappresenta per noi tutti un motivo di entusiasmo e di impegno. Lavoreremo al massimo per fornire alle squadre la nostra migliore offerta sportiva e la nostra filosofia di rugby anche in termini educativi ed etici».   

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp