Seniores #A: dal Top 12, in rossoblù la prima linea Giuseppe Datola. Bentornato in Valtrompia a Giuseppe Pagani

Qualità tecnica e umana: queste e caratteristiche centrali del mercato rossoblù 2020/2021

Versatilità e competenza tecnica, qualità umana, condivisione di progettualità e obiettivi e radicamento al territorio: sono queste le traiettorie lungo le quali si articola il mercato de I Centurioni Rugby per la stagione 2020/2021.

In attesa di poter definire la programmazione in funzione di date e modalità certe per la ripresa, il General Manager Luca Raza e il Team Manager David Cornwall stanno ultimando le trattative per la definizione del roster che metteranno a disposizione dello staff tecnico guidato da Alessandro Geddo, affiancato dal coach della linea dei trequarti Alessandro Pinna.

Lunedì 24 agosto, con la ripresa ufficiale della preparazione, i nuovi acquisti verranno presentati alla squadra.

I primi approdi in Valtrompia rinforzano la mischia. Calabrese, proveniente dal Rugby Colorno, giunge a Villa Carcina la prima linea Giuseppe Datola. Torna a vestire la maglia rossoblù, dopo la militanza in serie A con il Rugby Lumezzane, il flanker, valgobbino d’adozione, Giuseppe Pagani.

I Centurioni Rugby sono orgogliosi di presentare l’ingaggio del pilone sinistro/tallonatore, classe 1990, Giuseppe Datola. Il giocatore – 183 cm per 100 kg –, nato a Catanzaro, ha iniziato ben presto la propria carriera nella massima serie del rugby nazionale. Trasferitosi dal club universitario della sua città natale all’Under 18 del Rugby Rovigo, con la maglia dei bersaglieri è approdato in prima squadra affrontando tre campionati di Super 10 (2010-2013), oltre alle sfide di Amlin Challenge Cup. Nella stagione 2013/2014 ha vestito la maglia della Lazio Rugby in Super 1o, per poi trasferirsi nel campionato successivo in Toscana per militare nel Prato Rugby. Dopo una stagione in serie A con I Medicei, ha mantenuto la categoria nei successivi due campionati con il Rugby Colorno, per poi ritrovare la massima serie con i colori biancorossi nella stagione 2019/2020. «Ho scelto I Centurioni innanzitutto per la vision e la progettualità della società – commenta il giocatore -, volta non solo al risultato sportivo, ma soprattutto alla crescita della persona dentro e fuori dal campo. L’ entusiasmo del General Manager Luca Raza mi ha contagiato, esponendomi gli innumerevoli progetti che il club sta implementando e di cui non vedo l’ora di far parte. A questo punto della mia carriera trovare un ambiente in costante crescita come questo è quanto di più stimolante potessi volere».

«Siamo sinceramente soddisfatti del mercato che stiamo conducendo e dell’accordo raggiunto con Giuseppe Datola – afferma il GM Raza -. Il curriculum del giocatore è garanzia inequivocabile della sua qualità tecnica. A renderci orgogliosi è, al contempo, la sua qualità umana, elemento che sta guidando la nostra mano per il salto di qualità che intendiamo imprimere al club in questa stagione per noi fondamentale visto il completamento dei lavori alla nostra nuova casa. Il balzo tecnico in avanti che intendiamo concretizzare dovrà essere raggiunto attraverso la collaborazione di persone di valore e Giuseppe è l’uomo giusto per soddisfare entrambe le ambizioni. La trattativa per il suo approdo non è stata facile, visto il gran numero di club con cui l’abbiamo conteso. La sua scelta di seguire la nostra proposta, di fornire il suo contributo al nostro sviluppo e al raggiungimento dei nostri obiettivi è di grande stimolo per la strada che ci aspetta».

La costruzione si basa, come detto, anche sulle spalle forti di chi conosce il territorio, il club, le origini e le mete da raggiungere. In questo contesto, il ritorno di Giuseppe Pagani è accolto con grande soddisfazione. «Siamo contenti che il ritorno di Pagani corrisponda con l’anno zero del nostro club – commenta Raza -. Per costruire un gruppo forte sia in campo che fuori servono giocatori con le sue qualità: temperamento, aggressività e coinvolgimento. Lo staff tecnico ha richiesto il suo approdo e la società ne ha condiviso la fiducia sull’apporto che potrà garantire al gruppo». Nato a Sarnico, nella Bergamasca, nel 1988, Pagani ha iniziato a giocare a rugby nel Rovato, debuttando in serie A con il Rugby Leonessa, club nel quale ha militato per cinque stagioni. Ha successivamente mantenuto la categoria vestendo le maglie di Amatori Milano, Lumezzane, Alghero, Udine e Brescia. Successivamente, ha militato in B nel Rovato e ha contribuito alla promozione del Franciacorta. Importanti esperienze sono state maturate nel Rugby League dove, oltre ad aver conquistato due scudetti con i Lions Brescia, ha maturato 22 caps con la Nazionale partecipando a tre Europei, a due qualificazioni alla Coppa del Mondo e alla stessa competizione mondiale del 2017, ospitata in Australia. «Ho deciso di tornare a Lumezzane perché nella società e nel movimento che lo circonda sussistono le caratteristiche per creare una realtà splendida e capace di dare grandi soddisfazioni – commenta Pagani -. Ho avuto modo già di constatarlo nella mia precedente esperienza rossoblù e contribuirò al raggiungimento degli obiettivi del club».

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp