SENIORES #A: IN ROSSOBLÙ L’APERTURA DAVIDE MUZZI E LA SECONDA LINEA MATTEO PONTANARI

Il GM Raza: «Mercato di grandi soddisfazioni: cerchiamo giocatori tecnicamente preparati, con percorsi giovanili di alto livello»

I Centurioni Rugby annunciano altri due importanti innesti. Dopo gli avanti Giuseppe Datola e Giuseppe Pagani, vestiranno rossoblù il mediano di apertura – estremo Davide Muzzi e la seconda linea – flanker Matteo Pontanari, entrambi classe 2000.

Muzzi (1,80 m per 86 kg), triestino di nascita, proviene dal Rugby Udine, dove nella passata stagione ha disputato il campionato di serie A. Nello stesso club ha iniziato la propria carriera in U16, per poi trasferirsi nel Mogliano Rugby prima per concludere il suo percorso nelle categorie juniores con l’U18, successivamente per accedere alla prima squadra, facendo parte della rosa a disposizione per il campionato di TOP 12. Il giocatore ha frequentato l’Accademia federale di Mogliano e, da esterno, il Centro di Formazione permanente di Treviso. Muzzi ha preso parte al raduno nazionale U17 e al torneo 7s delle Accademie nazionali.

Pontanari – 1,84 cm per 98 kg, originario di Gallarate (VA), ma residente a Riva del Garda (TN) – è un giocatore schierabile sia in seconda che in terza linea. Ha iniziato a calcare i campi da rugby a 14 anni nelle fila del club Benacense, per poi completare il suo percorso juniores nel Verona Rugby, dove ha frequentato inoltre due anni di Accademia (il primo da Project Player). Il suo approdo nel rugby seniores è avvenuto con la maglia del Valsugana Rugby, militante in serie A. A livello federale, nel 2016 ha preso parte al Centro di Formazione permanente di Padova.

«A nome della società, accolgo Muzzi e Pontanari in rossoblù – commenta il General Manager Luca Raza -. I loro curriculum rappresentano una delle tipologie di giocatori sulle quali stiamo imperniando questa importante campagna di rinforzo in vista della prossima stagione. Entrambi, infatti, sono giocatori giovani, ma tecnicamente preparati e abituati alla cultura del lavoro e dell’innalzamento delle proprie abilità. I loro trascorsi formativi di livello, infatti, consentiranno al nostro staff tecnico di lavorare con un capitale umano di valore, con ampi margini di crescita e, al contempo, basi molto solide sulle quali costruire obiettivi importanti».

La nuova apertura è il frutto «della ricerca di un giocatore che vestisse con competenza la maglia numero 10 e che mostrasse buone qualità al piede – continua il GM -. La serie A, infatti, è un campionato nel quale il calciatore ha un peso straordinario per l’economia dell’intero organico. Muzzi mostra percentuali di precisione molto elevate, come ha dimostrato nella passata stagione con la maglia dell’Udine».

Era necessario, inoltre, identificare un rinforzo in mischia, schierabile sia in seconda che in terza linea, che avesse caratteristiche specifiche, identificate in Matteo Pontanari. «Trasferito al Valsugana, il giocatore ha mostrato tutte le sue qualità – descrive Raza -. Matteo ha infatti nell’aggressività nei punti di incontro, nell’efficacia del placcaggio e l’attitudine al sacrificio nel gioco sporco le sue principali caratteristiche. Le stesse che stavamo ricercando, identificandole come prioritarie in particolare nel reparto degli avanti».

Entusiasmo, voglia di mettersi alla prova e di continuare il talentuoso percorso di crescita sono le emozioni che accomunano i due giocatori che scenderanno in campo con la ripresa ufficiale della preparazione de I Centurioni Rugby che avverrà lunedì 24 agosto al MAW Stadium (il gruppo sta sostenendo comunque in queste tre settimane di sosta sedute di allenamento agli ordini del preparatore atletico Mattia Romano ndr).

Entrambi coinvolti e convinti da progetto e struttura sportiva di prim’ordine, raggiungeranno la Valtrompia nei prossimi giorni per conoscere staff e compagni di squadra in vista della ripartenza. La seconda linea Pontanari, infine, farò coincidere l’approdo in rossoblù con la scelta dell’ateneo bresciano per l’inizio del suo percorso universitario nella facoltà di Ingegneria meccanica.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp