IVANO BONACINA NUOVO HEAD COACH PER LA SENIORES #A E MARCO GHIDINI NUOVO DIRETTORE TECNICO DEL SETTORE GIOVANILE

È ufficiale il cambio all’interno della struttura tecnica della prima squadra de I Centurioni Rugby militante in serie A, che vede la nuova figura di Head Coach nel lecchese di nascita e bergamasco di residenza, Ivano Bonacina. Confermato invece il resto dello staff tecnico della Seniores A con Alessandro Pinna come assistant coach e allenatore dei trequarti, Giulio Cropelli come responsabile della preparazione atletica e Mattia Romano come preparatore atletico.

«Le sue caratteristiche e i risultati da lui ottenuti sui campi da gioco soprattutto con la Asr Milano hanno portato alla scelta di questa figura» così parla il General Manager Luca Raza. «La scelta di Bonacina è dovuta sicuramente alla sua grande esperienza come allenatore, attività intrapresa da lui quasi trent’anni fa presso la società del Rugby Lecco, e che lo ha visto poi alla guida anche di Varese, Monza e Milano, dove per tre stagioni ha lavorato anche come responsabile tecnico per l’Accademia Grande Milano. Approda ai Centurioni dopo tre anni di direzione tecnica presso il Rugby Bergamo, dove peraltro giocò anche in serie C, B e A nel ruolo di terza linea, prima di un infortunio che gli diede tuttavia l’opportunità di intraprendere il percorso da allenatore e trasmettere la sua grande passione per il rugby ai suoi atleti».

 

«Quello dei Centurioni è un ambiente nuovo che vado a scoprire, una realtà molto importante per tutta la provincia di Brescia e specialmente per la Val Trompia. Penso che il mio apporto dovrà certamente essere di supporto tecnico ma anche e soprattutto dovrà contribuire a migliorare ulteriormente la struttura, la cultura e la mentalità rugbistica del club» afferma Bonacina. «Conosco già alcuni giocatori come  Zoli, Pagani, tutti i ragazzi che ho avuto nelle selezioni regionali qualche anno fa e altri che sono stati avversari; il gruppo di giocatori che ci sono e la campagna acquisti fatta dalla società sono state scelte che ritengo molto precise».

Considerando il fatto che sono tanti i nuovi arrivi, in una combinazione di giocatori con esperienze importanti e di giocatori giovani, «dobbiamo avere i tempi per plasmare il nuovo gruppo e ritengo che questa situazione post lockdown ci servirà per creare i nuovi equilibri. Credo che lo spogliatoio, l’armonia di una squadra e il divertimento, realizzandosi però come giocatori che abbiano competenza e attaccamento alla maglia, siano tutto e spero quindi di dare un contributo positivo anche in questo. Penso inoltre che un team manager della portata di David Cornwall, che da buon gallese ha nel DNA il rugby, sia un ottimo riferimento per tutto lo staff e tutti i giocatori».

Tutti gli atleti, sotto la guida di Bonacina e di tutto lo staff, si ritroveranno lunedì 31 agosto per la ripresa degli allenamenti presso il MAW Stadium di Villa Carcina, in attesa di informazioni riguardanti l’eventuale ripartenza del campionato.

Un’altra novità riguarda la figura di Marco Ghidini che, oltre a quello di allenatore della U18 insieme a Ivan Zanchigiani, assume il ruolo di direttore tecnico delle categorie giovanili (U14, U16 e U18).

Queste le parole di Ghidini: «Quando mi è stato chiesto di ricoprire anche il ruolo di direttore tecnico del settore giovanile mi sono sentito subito onorato, ma ho anche percepito il senso di responsabilità che esso comporta in quanto le giovanili sono l’ossatura di ogni società sportiva. Pertanto ho accettato l’incarico sapendo che richiede non solo impegno ma anche una visione che ricade sul medio e lungo termine soprattutto riguardo alla proposta di una struttura tecnica adeguata e formata in modo da dare ai ragazzi una migliore offerta qualitativa di allenamenti, crescita e formazione rispettando ovviamente la loro età, il loro sviluppo e i loro tempi, così che nell’arco di alcuni anni la prima squadra possa attingere ai giovani direttamente all’interno del vivaio e delle proprie giovanili».

 

I Centurioni Rugby annunciano contestualmente l’interruzione del rapporto professionale con il tecnico Alessandro Geddo. «Desidero ringraziare personalmente e a nome del direttivo Alessandro Geddo per la collaborazione con il nostro club – commenta il presidente del club rossoblù Ottorino Bugatti -. Il suo apporto come allenatore e come responsabile coordinatore dei tecnici di ogni grado de I Centurioni Rugby è stato importante. Oltre alla normale attività ha dovuto affrontare la difficile condizione creatasi a causa della pandemia da COVID-19 e per questo gli è dovuto un ulteriore grazie. Purtroppo la collaborazione con lui finisce troppo presto. Alcuni fattori personali e professionali che esulano dal campo sportivo e tecnico hanno determinato la scelta di cessare il suo apporto al nostro movimento che, come si sa, sta affrontando un periodo di particolare vivacità sia per la crescita che per la nostra “casa” in fase di ultimazione. Con rammarico lo saluto e con trasporto gli faccio i migliori auguri di ogni bene e che al più presto possa ritornare a calcare i campi di gioco».
Così il General Manager Luca Raza: «Ringrazio personalmente Alessandro Geddo per il supporto dato al nostro club durante la sua permanenza sicuramente seria e proficua. Gli auguro il meglio per il suo futuro e spero presto di poterlo vedere sui campi gioco».

«Concludo il mio rapporto con I Centurioni sicuro di aver svolto l’attività con dedizione e diligenza – conclude Alessandro Geddo -. Le prospettive di sviluppo del club non sono conciliabili e dunque non mi rimane che proseguire su un cammino diverso. Ringrazio il presidente Bugatti per l’impegno profuso anche in questa complicatissima stagione. Saluto con incredibile affetto tutto il club e in particolare i ragazzi, gli accompagnatori e i genitori dell’U16, gruppo che ho condotto nella scorsa stagione, a cui va il mio infinito in bocca al lupo per le nuove avventure che li attenderanno».

 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp