Tutoraggio – Centurioni e Oltremella uniti per la crescita del movimento giovanile

Il club rossoblù ha avviato il tutoraggio nei confronti dei ragazzi u15 e u17 dell’Oltremella. La nuova collaborazione è frutto della nuova progettualità richiesta dalla Fir per il rilancio del settore giovanile attraverso la cooperazione tra i club

VILLA CARCINA – Siglata l’importante collaborazione per il settore giovanile tra Centurioni e Oltremella, che uniscono le forze per innalzare il livello del movimento rugbystico U15 e U17. Sarà un tutoraggio – una soluzione caldeggiata dalla Federazione al fine di rendere sostenibile il rilancio dell’attività sportive tra le fasce più giovani – attraverso la cooperazione tra i club.I Centurioni saranno infatti tutori nei confronti dei lupetti u15 e u17 dell’Oltremella. Una sessantina – tra under 15  e under 17 -, gli atleti coinvolti. Gli allenamenti si svolgeranno sia al Maw Stadium di Villa Carcina che al campo di rugby di Roncadelle, casa dei lupetti bresciani. Anche le partite potranno essere disputate in entrambi i campi e a seconda della location sarà fatta indossare la maglia dei Centurioni o dell’Oltremella, al fine di mantenere forte il sentimento identitario, in funzione di una progettualità di insieme.Ivano Bonacina, direttore sportivo Centurioni: «Da quest’anno i Centurioni faranno da tutor ai ragazzi dell’Oltremella; una collaborazione molto importante per l’intero movimento. I ragazzi dei due club, per le categorie under 15 e under 17 si alleneranno insieme nelle strutture di entrambi i club, questo per innalzare il livello delle due squadre e per riunirsi in un gruppo di lavoro più corposo e meno dispersivo. La collaborazione con l’Oltremella è iniziata nel migliore dei modi. C’è grande spirito di collaborazione. Oltremella conta un vivace movimento giovanile. Il legame tra i club è un legame sia funzionale che tecnico. Un confronto continuo tra di noi ci permetterà di crescere insieme più rapidamente». Nicola De Francesco, Presidente Oltremella: «Il tutoraggio permette ad entrambi i club di crescere e di far giocare i nostri giocaotri e quelli dei Centurioni insieme, in modo  da ottimizzare sia le nostre risorse che quelle dei Centurioni, ma soprattutto questo tutoraraggio permette ai ragazzi di crescere insieme e avere molto a piu esperienza che nelle singole società. Ciò permette di avere un punto di vista più ampio sulla pratica sportiva e permette di fare molta più esperienza. E’ una iniziativa che viene incontro ai nostri desideri e alle nostre aspettive» Luca Raza, General Manager Centurioni: «Ha preso il via questa importante formula di collaborazione tra noi e l’Oltre. Un tutoraggio nato dall’esigenza da parte di entrambi di aumentare la qualità e di fornire un servizio sempre più puntuale ai ragazzi appassionati di rugby. Il tutto infatti è in funzione di far crescere questi giovani e fare disputare loro i campionati nelle migliori condizioni possibili. Il livello tra i ragazzi dei due club è molto simile, e questo ci ha portato alla decisione di collaborare. Un progetto, questo, che rafforza il rapporto tra le società e rappresenta un esempio di quanto la collaborazione tra i club sia determinante per il processo di crescita dell’intero movimento».Marco Ghidini, direttore tecnico Centurioni: «Una partnership, un bel progetto tra due società che vogliono alzare il livello del rugby tra U15 e U17 venendo oltretutto incontro a esigenze logistiche di entrambi i club. Onore all’Oltremella che si è messo in gioco insieme a noi, mettendoci impegno e grandissima serietà. Un progetto in funzione dell’innalzamento del livello tecnico e di gioco dei ragazzi e finalizzato allo scambio di conoscenze tra gli allenatori di entrambe le società. Una cooperazione che non può che portare buoni frutti. L’idea è di riportare un po’ di normalità ai nostri ragazzi, dopo due anni difficili legati al Covid e alle restrizioni per la pandemia. Questa può essere la soluzione migliore per divertirsi insieme».Regolamento per la realizzazione del progetto tecnico Società Tutor U19-U17 e U15 maschili. Una società, denominata TUTOR, può accogliere per l’intera stagione sportiva giocatori del biennio U19, U17 e U15 provenienti da un massimo di 4 diverse società, i quali possono giocare nel campionato U19-U17 e attività U15 con la società tutor ma contemporaneamente anche nella propria squadra di provenienza.Per poter attivare questa opportunità, le società partecipanti al progetto devono inviare all’ Ufficio Tecnico e al Comitato Regionale di appartenenza il progetto tecnico sportivo compilando l’apposito modello pubblicato sul sito www.federugby.it, entro 20 giorni dalla data d’inizio del campionato previsto per la società tutor.Tale accordo NON potrà essere variato né integrato durante l’intera stagione sportiva ed una società può avere un solo accordo con una società TUTOR per ogni singola categoria (U19- U17- U15)I giocatori tesserati con la società TUTORATA, in virtù del doppio tesseramento, potranno giocare oltre che con la propria società anche con la società TUTOR, limitatamente alla categoria giovanile di appartenenza.I giocatori tesserati con la società TUTOR possono giocare nelle squadre della propria società e con la società TUTORATA, nella categoria giovanile di appartenenza. Unica eccezione riguarda i rientranti (i nati nel 2003) che potranno giocare solo ed esclusivamente per la società di tesseramento.Il tutoraggio dovrà essere effettuato all’interno della regione di appartenenza; eventuali deroghe saranno valutate dalla Commissione Tecnica Federale in caso di:▪ contiguità geografica;▪ unica società U19 o U17 o U15 in Regione;▪ progetti tecnico-sportivi pregressi.